07-06-2018 Hits:1073 News t_r

Pubblicazione esiti degli scrutini

Gli esiti degli scrutini saranno pubblicati: sabato 9/06 in mattinata per le classi 5^ giovedì 14/06 in mattinata per le altre classi.

Leggi tutto

16-06-2017 Hits:4290 News t_r

Attività di recupero

Le attività di recupero avranno inizio MARTEDì 19/06     Le prove di verifica per il recupero dei debiti si terranno nei giorni ...

Leggi tutto

scuola lavoro

clil

PROMETHEUC CERN LOGO 2

Gli studenti della 1 °C del liceo scientifico Galilei di Nizza, fra novembre e dicembre, hanno avuto la possibilità di scoprire ed imparare a conoscere una figura illustre della cittadina, ricordata soprattutto dai nicesi un po' più avanti negli anni: la scultrice Claudia Formica, scomparsa nel 1987.
Le attività laboratoriali di lettura, approfondimento dei documenti storici, visione e analisi delle immagini raffiguranti le opere scultoree realizzate dall'artista dagli anni Venti fino agli anni Ottanta sono state organizzate e realizzate dal dott. Mario Renosio, direttore dell'Israt, e dalla storica dell'arte dott.ssa Chiara Lanzi .
Gli studenti hanno assistito a lezioni riguardanti il contesto storico e sociale di Nizza Monferrato durante gli anni della formazione di Claudia (i cosiddetti "anni rimossi" del Ventennio), e ad altre di taglio artistico volte ad informarli sulle opere realizzate dalla scultrice e ancora oggi presenti in gran numero sul nostro territorio. In seguito, guidati dalle insegnanti Ornella Bianco e Maura Cucchi Osano, hanno svolto in classe una loro revisione dei documenti e delle opere producendo un lavoro di approfondimento intitolato "La scelta. Il difficile connubio fra arte e vita".
"E' stata un'occasione di conoscenza molto formativa per noi giovani- sostengono le due allieve Giorgia e Francesca- non conoscevamo questa donna così indipendente e coraggiosa; la abbiamo apprezzata per le sue opere ma anche perché in quegli anni non temeva di affrontare quello che veniva considerato un lavoro da uomini. Un esempio veramente positivo per noi ragazze e donne di domani ".

Vai all'inizio della pagina